Regione Toscana

"con il patrocinio ed il contributo di:"

Storia delle Piaggeliadi
Come tante iniziative, che ognuno di noi può creare, l’idea delle Piaggeliadi nasce in un momento di confronto e di discussione con me stesso, ed una sera ,mentre ero a cena con l’amico di sempre Bruno Sarallo , allora ed oggi sponsor tecnico della manifestazione, parlavano di una iniziativa che la Polisportiva Firenze Ovest, Società in cui ero appena arrivato come Maestro di tennis, avrebbe voluto creare per rafforzare il proprio rapporto con il tessuto più giovane del quartiere.
Tante sono state le idee che ci sono venute in mente e fra queste anche quella di fare una sorta di olimpiade alla “Piagge” , rione periferico alla zona Ovest della città dove erano state costruite da poco nuove abitazioni popolari e dove i servizi ancora erano abbastanza limitati , quindi pensammo ad una manifestazione da ripetersi tutti gli anni.
Per capire la ricettibilità dei giovani furono organizzati “ settimane di sport alle Piagge , durante le vacanze scolastiche estive, “ Domeniche di sport alle Piagge“ , “Corsa di macchinine a pedali alle Piagge”, e la risposta dei giovani fu talmente totale che la Polisportiva , con in testa il Presidente Piero Colzi ed io non potevano che essere incoraggiati a continuare.
Per capire meglio come sono nate le Piaggeliadi vorrei spiegare questo concetto:

Perchè Marco Borri. prima giocatore di livello Nazionale poi Maestro di tennis e perchè Piaggeliadi?

... tre realtà fluite spontaneamente forse proprio dalla stessa esigenza/esperienza: quella di fare dello sport uno stile di vita, una realtà quotidiana con la quale convivere e di cui vivere. Provengo da una famiglia in cui lo sport e nella fattispecie il tennis, sono stati il pane quotidiano. Figlio e nipote di illustri Maestri di tennis , che hanno fatto, con la loro passione e competenza, non solo la storia del tennis fiorentino ma soprattutto hanno contribuito a svilupparlo a livello Nazionale , quindi sono cresciuto in questo ambiente, dove da giocatore , per quei tempi , ho ottenuto quanto mi ero prefissato risultando "uno fra i migliori progetti del momento " e mi sono formato agli ideali di una sana vita sportiva che rappresenta a mio parere la massima espressione di crescita intellettiva e fisica per un ragazzo negli anni dell'infanzia e dell'adolescenza. Perchè lo sport - forse più che la scuola stessa - fortifica nel fisico e nello spirito, insegna a crescere, a lottare, a cercare di dare il meglio di se. Sviluppa nel ragazzo il suo spirito di sacrificio gli insegna ad essere amico del suo rivale e rivale del suo migliore amico, ad accettare la sconfitta ed i propri limiti ma anche a gratificare il suo bisogno di emergere. Ed è soprattutto lo sport non competitivo, lontano cioè dalle tensioni dell'agonismo, che educa ad un'esistenza sana e serena che può e deve accompagnare nel cammino di una vita intera.
Inoltre la Scuola ha un ruolo importantissimo direi fondamentale nella crescita educativa e culturale e disciplinare del ragazzo stesso ragazzo,
E' proprio dalla fede in questa mia esperienza sportiva e dalla collaborazione con la P.F.O. che nasce il progetto Piaggeliadi, oggi alla sua 25° edizione. A tal proposito vorrei ringrraziare l'Ass. allo Sport del Com. di Fi. ed il CONI che con la loro fattiva partecipazione hanno reso possibile la realizzazione di questa idea. E ringrazio pure tutti i ragazzi, nell'ultima edizione sono oltre 18.000 i partecipanti , che fino dal primo anno assieme ai loro genitori hanno capito l'importanza di questo progetto ed hanno aderito con gioia all'iniziativa, augurandomi di cuore che continuino a sostenerci in questa impresa anche per gli anni a venire.
Per tutti coloro che invece si avvicinano oggi per la prima volta a Piaggeliadi vorrei spiegare brevemente cos e in. sostanza questa manifestazione, ossia una miniolimpiade riservata ai ragazzi delle scuole elementari e medie di Firenze, che permette di cimentarsi nelle più svariate discipline sportive (pallavolo, calcetto, minitennis ecc.) allo scopo di contribuire assieme ai propri compagni di istituto a procurare il punteggio più alto possibile per la propria scuola
Vengono così pertanto a decadere l'importanza del risultato della prestazione personale e di conseguenza gli eccessi dell'agonismo nudo e crudo.
Al tempo stesso è un invito vero e proprio ed una possibilità offerta al ragazzo, affinchè - avuta la possibilità di cimentarsi in maniera assolutamente gratuita a più discipline possa eventualmente individuare quella a lui più congeniale e continuare in quella direzione per proprio conto.Piaggeliadi negli anni è divenuta anche una manifestazione che premia con borse di studio i meno fortunati economicamente affinchè possano continuare a studiare serenamente senza intaccare l'economia famigliare , questo è concesso , grazie alla collaborazione con Findomestic che da 20 sostiene questa nostra iniziativa con la sola soddisfazione di sentire l'urlo felice di migliaia di ragazzini che si divertono e sorridono felici insieme alle loro famiglie
Piaggeliadi 26° edizione